Non avevamo dubbi in proposito: i Soci, le barche e gli equipaggi del TSC si muovono, navigano, provano, regatano, sperimentano, si impegnano e riprovano.

E, in attesa di essere finalmente pronti per pubblicare su questo sito un report ed un bilancio di questo 2015 dedicato all’impegno ed alle gesta dei nostri Soci, abbiamo deciso di riservare uno spazio adeguato a chi il naso ha voluto metterlo … veramente fuori dalla porta di casa.

Stiamo ovviamente parlando di una traversata atlantica da est ad ovest, al timone di una barca a vela, insieme a motivati compagni di viaggio, a tu per tu con il grande oceano e con gli alisei che iniziano a soffiare per portarci verso ovest. Un periodo durante il quale si vedrà solo cielo e mare, con immagini, suoni e profumi che, al di là di qualsiasi comunicazione satellitare o social, si potranno condividere solamente con quel piccolo nucleo di navigatori che hanno deciso di fare la tua stessa scelta, dividendo equamente albe, tramonti, bello e cattivo tempo, turni al timone, alle scotte e un po’ di meritato riposo tra una virata e un cambio di vele.

Un’esperienza che – da sempre – abbina il fascino dell’impresa velica alla possibilità di guardare a noi stessi, alla nostra interiorità ed al mondo che ci circonda con una prospettiva ed uno sguardo sicuramente diversi da quello di tutti i giorni.

 

Meno di due settimane fa – per l’esattezza il 12 dicembre 2015 alle ore 9:00 – un catamarano partito dalle Canarie il 20 novembre, ormeggiava a “LE MARIN” in Martinica. Al timone Michele PAON, socio, istruttore e ufficiale di regata FIV del TSC insieme a Carla RIGON – altro socio del TSC – oltre a Fabio e Andrea (figlio di Michele). Atto finale di 2.800 miglia di navigazione tra Canarie e Martinica, lungo una delle classiche rotte di traversata dell’Oceano Atlantico, percorse in 22 giorni di navigazione.

Una grande impresa e una grandissima soddisfazione per Michele, Carla ed il resto dell’equipaggio, con complimenti più che meritati da tutto il Treviso Sailing Club.

Più che utilizzare questo spazio per una cronistoria della traversata (vi suggeriamo di “navigare on-line” grazie alla pagina FB di Michele, dove trovare qualche pagina di diario di bordo e tante immagini di mare e di terra), aspettiamo il rientro di Michele e Carla a Treviso per organizzare una serata di presentazione della loro impresa. Impresa che fa parte di un percorso ben più ampio, partito la scorsa primavera dall’Italia e che ha visto Michele a capo di vari equipaggi che hanno portato la barca a toccare i principali porti del Mediterraneo, in un warm-up di preparazione che, compresa la traversata, ha toccato oltre 4.500 miglia di navigazione complessiva.

 

Ancora complimenti a Michele, Carla e a tutto l’equipaggio:

vi aspettiamo presto nella nostra sede sociale per un racconto e molte immagini di questa avventura.

 

Buon Vento

Treviso Sailing Club

23 dicembre 2015 Attività News