Treviso Sailing Club

Vela prima di ogni altra passione

Cinque settimane, 1566 miglia, 40 persone…

Questo è il giro d’Italia a Vela per il TREVISO SAILING CLUB

Ci stiamo avvicinando alla chiusura  del Girovela 2010 e si possono tirare le prime somme sulla squadra GRAN MORAVIA TREVISO. Non si nascondono le difficoltà della prima settimana nella sfida con i campioni della vela ma  già nella seconda settimana è arrivato un quinto posto nel bastone (regata di 15 miglia) a Bisceglie e 2 quarti posti .

L’EQUIPAGGIO DELLA SECONDA SETTIMANA SUL MITICO GIRO 34 “BRAVO” GRAN MORAVIA TREVISO

E poi la terza ha regalato ancora 2 sesti ed un settimo ..e la quarta ancora un settimo ed un quinto. Inoltre sabato 25 giugno nel match race con i Melges24, (altra sfida mozzafiato voluta da CINO RICCI) la squadra femminile del GRAN MORAVIA TREVISO ha battuto 2-0 i primi in classifica, ovvero RIVA DEL GARDA, passando alle semifinali del 18 luglio a Nettuno che ha visto poi la vittoria su Sardegna aggiudicandosi la finale a Cagliari il 25 e 26 settembre.

L’EQUIPAGGIO BATTE SARDEGNA AL MATCH RACE SUI MELGES 24, SECONDI ALLE PREQUALIFICAZIONI PER LA SFIDA FINALE CHE SI TERRA’ A CAGLIARI IL 24/25 SETTEMBRE

I risultati dicono poco però, se non si sottolinea che si sono messi a confronto con i più grandi campioni italiani e del mondo ( vedi Lorenzo Bressani o il giovane campione Alberto Bolzan). L’impegno è stato fortissimo: hanno lottato con il vento a 30 nodi ed in pieno temporale, hanno combattuto con la bonaccia e la corrente contro dello stretto di Messina, hanno subìto l’annullamento delle regate per assenza di vento…ma la forza per riuscire a far meglio ogni giorno, per carpire i segreti e le “tattiche” dai professionisti, non è mai mancata. Deve ancora finire questo Girovela e già ne sentono la nostalgia, già pensano come sarà quello del prossimo anno.

Ogni equipaggio, che ha contraddistinto le diverse settimane, ha dato un contributo grandissimo sia in termini di impegno “fisico” che di forza morale.

Ora aspettano solo le  fatiche di questi ultimi giorni e poi si ritroveranno per commentare ed analizzare questo Giro e magari iniziare a progettare il prossimo….

Cari amici velisti,
chi di noi non vorrebbe avere un curriculum sportivo così:

– Partecipazione ad una campagna di Coppa America (Victory ’83) ‘84
– Admiral’s Cup su Mandrake ‘89
– 1°al campionato mondiale Fun ‘90
– 3°al campionato europeo Soling ‘94
– 1°alla preolimpica a Savannha ‘95
– 1°al campionato italiano Soling ‘95
– 1°alla selezione olimpica nel ‘95
– Partecipazione alle Olimpiadi di Atlanta ‘96
– 2°al campionato mondiale Soling ‘96
– 1°al campionato Asso ‘99
– 1°al match races All Stars Garda Lake, Castelletto 2003
– 1°al Campionato Invernale J24, Castelletto 2004
– 1°al Giro di Sardegna (su Forlì) 2004
– 1°al Campionato italiano Soling 2005 timoniere
– 7 partecipazioni al Giro d’Italia sempre ai primi posti

Bene… quest’uomo è il grande campione Gianni Torboli, un uomo che ha
tanto da raccontarci e che sarà ospite al nostro club
Mercoledì 9 GIUGNO 2010 ore 21:00
Ci racconterà tanti segreti frutto della sua lunghissima esperienza.

Tema della serata:
Una vita dedicata alla vela, dalla deriva a Coppa America, dalla
monotipia alla navigazione d’altura.

Relatore: Gianni Torboli

17 maggio 2010 News

E’ iniziata la corsa per le iscrizioni al GIRO VELA 2010! Visti i pochi posti rimasti affrettatevi!
TERMINE ULTIMO PER L’ISCRIZIONE M E R C O L E D I 1 9 M A G G I O
IN SEDE!

Per info Luca Martucci 339 6369905

3 maggio 2010 News

In occasione della fiera internazionale CIBUS di Parma 2010 il gruppo Brazzale ha presentato la novità assoluta della “Filiera Latte Ecosostenibile Gran Moravia” che ne fa il primo formaggio “ecosostenibile”.

L’azienda, che aveva presentato nel febbraio scorso la filiera carne ecologica “Silvopastoril”, si conferma all’avanguardia nello sviluppo di modelli “ecosostenibili”.

Il Gran Moravia, formaggio duro a lunga stagionatura, verrà ora ottenuto da un latte prodotto attraverso una filiera agricola che può, cioè, perpetuarsi indefinitamente senza alterazione dell’ equilibrio della natura.

Attorno al proprio caseificio di Litovel, situato nella fiabesca ed incontaminata regione della Moravia (Repubblica Ceca) tra Vienna e Praga, terra di grande tradizione agricola e zootecnica, i nostri tecnici hanno selezionato una “rete” di circa 50 fattorie di alta professionalità, scegliendo tra le tradizionali fornitrici quelle che godevano delle migliori condizioni peri terreni abbondanti e clima ideale.

La filiera si estende oggi complessivamente su oltre 60.000 ha. di terreno di qualità agronomica superiore, quasi quanto l’intera provincia di Lodi, situato per lo più in aree di alto pregio paesaggistico, che tale modello di agricoltura contribuisce a preservare grazie al suo minimo impatto ambientale.

Ogni capo in lattazione dispone di una “dote” di terreno di oltre 4,5 ha., L’ampia dotazione di terreno consente agli allevatori di alimentare le bovine con foraggi coltivati direttamente sul proprio fondo, curare la qualità dalla semina al raccolto, e ridurre drasticamente il consumo di combustibili fossili che il trasporto delle materie prime da altri luoghi comporterebbe. E’ così possibile contenere il livello di carico dei nitrati ad un valore almeno sei volte più basso dei pur severi limiti comunitari.

Il numero dei capi in lattazione supera i 12.500, di alta genealogia e selezionati in funzione non della quantità ma del contenuto di “K caseina B”, ideale per la trasformazione a formaggi; le bovine, più rustiche e longeve, compensano le inferiori produzioni di latte con un contenuto di prote- ine più pregiate, in grado di trasmettere al formaggio superiori caratteristiche strutturali ed organolettiche, che la lunga stagionatura poi affina fino a completa armonia.

Nella filiera il bestiame viene accudito in ambienti rispettosi delle più severe normative in materia di etica e benessere animale e deve poter vivere libero negli spazi dedicati ed attrezzati di “cuccette” individuali. Nelle stagioni propizie molte delle aziende sono in grado di far pascolare il bestiame sui prati, entro contesti paesaggistici e naturalistici incante- voli.

A differenza di altri sistemi similari, nel sistema Gran Moravia le qualità superiori della filiera si riflettono sensibilmente sulle caratteristiche del prodotto finito. L’ideale microclima della filiera e la qualità delle colture, infatti, consentono di raggiungere una particolare salubrità dei foraggi: ad esempio, un mais esente da “stress” idrici grazie alla naturale piovosità, fa sì che nel formaggio Gran Moravia siano assenti contaminazioni da aflatossine.

Ogni fattoria, prima dell’ingresso nella filiera, subisce un “check” di verifica del rispetto del disciplinare di ecosostenibilità. Uno “staff” di tecnici aziendali è costantemente a disposizione delle fattorie, per consigliare le scelte ottimali in campo alimentare e veterinario, per selezionare i foraggi più pregiati, e per controllare in continuo la richiesta alta qualità del latte.

Scegliere il prodotto giusto dallo scaffale del supermercato significa oggi compiere un gesto che può contribuire a tutelare la natura. Non ci basta più offrire al consumatore il meglio per bontà, salubrità e convenienza. Oggi, grazie all‘intelligenza ed alla capacita dei tecnici e casari italiani, riusciamo ad offrire prodotti di filiere con impatto ambientale virtuoso. Le imprese devono ormai essere focalizzate sul massimo rispetto dell’ambiente. Da tempo il nostro gruppo ha posto tutto ciò al centro del suo lavoro con spirito fortemente innovativo, per progredire assieme alla nostra formidabile tradizione alimentare italiana. Senza innovazione non c’è tradizione. La tradizione, infatti, è sempre una innovazione ben riuscita che, perciò, viene conservata. Siamo contenti di poter presentare questa importante novità. ”

11 aprile 2010 News

“Aguzzate” le le orecchie!!!

Il 19 giugno parte da Trieste il Giro d’Italia a vela di Cino Ricci con destinazione La Spezia.
Stiamo lavorando nell’organizzazione in stretta collaborazione con Cino Ricci, con cui terremo una serata al club con gli equipaggi e i soci.
Quest’anno ci sono in programma delle barche new-entry : Conegliano, Portorose, Max Sirena (Mascalzone Latino), Trieste, ecc.
Ci sono anche dei ritorni di equipaggi già conosciuti che mancavano l’anno scorso come i Vigili del Fuoco.

Come sapete noi partecipiamo anche quest’anno e lo facciamo, non in sordina, ma da protagonisti.
L’anno scorso siamo stati attivi collaborando con Cino anche nell’organizzazione generale e creando un ottimo rapporto con tutti gli altri equipaggi.
In particolare abbiamo stretto rapporti proficui con Gianni Torboli, Lorenzo Bressani e con i bravissimi e simpaticissimi Russi.

Noi partecipiamo per offrire ai nostri soci un’esperienza unica, all’insegna del divertimento e della crescita marinara individuale.
Infatti formeremo, come lo scorso anno, quattro equipaggi molto eterogenei, con almeno uno o due esperti e altri 6/8 soci (chi non lo è lo può diventare) con qualsiasi tipo di esperienza, anche neofiti.

Tutto questo perché vogliamo farvi divertire, se poi “casualmente”, come lo scorso anno, arrivano risultati positivi meglio ancora (nonostante fossimo gli ultimi arrivati, non siamo mai arrivati ultimi, tante soddisfazioni e non sono mancati anche risultati eccellenti).

Abbiamo tante richieste di partecipazione dall’esterno (triestini, soci di altri club, istruttori di altura di Livorno, ecc…), ma preferiamo attendere che si formino equipaggi formati dai nostri soci.
Pertanto chi è interessato, si affretti a lasciare il proprio nominativo a Luca Martucci o al presidente Leandro Visentin.

Anche per i nostri soci che frequentano normalmente le varie regate di circolo, potrebbe essere un’occasione ghiotta per partecipare ad una regata “coi baffi”, in stretta monotipia, con vere barche da regata e potersi confrontare con equipaggi altamente tecnici che impegnano tanti professionisti.

Per chi desiderasse, il nostro staff istruttori è disponibile a gestire delle esercitazioni propedeutiche, stiamo pure considerando l’ipotesi di interessare un esperto di G34 per tenere un breafing di preparazione sulla conduzione della barca.

Ma non preoccupatevi di queste cose, il nostro obbiettivo è, e resterà, il divertimento puro.

Info:
Luca Martucci         luca.martucci@Bancamediolanum.it tel.  3396369905
Leandro Visentin  leandrovisentin.tv@gmail.com tel.  3486710750

8 aprile 2010 News